AL FILOSOFO JEAN-LUC MARION E ALLA TEOLOGA TRACEY ROWLAND IL PREMIO RATZINGER 2020

di Luca Caruso

conf. stampa, 1.X.2020

 

Città del Vaticano, 1 ottobre 2020 – Sono il filosofo francese Jean-Luc Marion e la teologa australiana Tracey Rowland gli studiosi cui viene assegnato il Premio Ratzinger 2020, giunto alla decima edizione. I loro nomi sono stati annunciati questa mattina nel corso di una conferenza stampa che si è svolta a Roma, presso la Sala Marconi della Radio Vaticana, per illustrare le principali attività che vedranno protagonista la Fondazione Vaticana Joseph Ratzinger-Benedetto XVI nei prossimi mesi. Insieme al presidente della Fondazione, padre Federico Lombardi, è intervenuto il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura e membro del Comitato scientifico della Fondazione, che ha illustrato i profili dei due accademici.

“Con l’edizione 2020, le personalità insignite del Premio Ratzinger saranno in totale 22, provenienti da 15 diversi Paesi dei cinque continenti. Con la prof.ssa Rowland abbiamo infatti raggiunto anche l’Oceania”, ha spiegato padre Lombardi. “Il conferimento del Premio è previsto per il 14 novembre nel Palazzo Apostolico, come nelle edizioni precedenti, da parte di Papa Francesco – ha proseguito il presidente della Fondazione Ratzinger –. Speriamo che la cerimonia si possa svolgere nonostante la pandemia. Qualora dovesse essere annullata per forza maggiore, cioè l’impossibilità dei due vincitori di partecipare, il Premio viene assegnato lo stesso per il 2020, ma i vincitori saranno invitati a partecipare e a ricevere il Diploma insieme ai vincitori del prossimo anno 2021”.

 

CONSULTA L’ALBO D’ORO DEL PREMIO RATZINGER

 

Padre Lombardi ha quindi ricordato che l’anno scorso si era svolto a Budapest, nei giorni 8-9 ottobre, il IX Simposio internazionale di studio promosso dalla Fondazione, in collaborazione con l’Università cattolica ungherese “Pázmány Péter”. È stato dedicato al tema: “La situazione economica, sociale e spirituale dei Paesi dell’Europa Centrale alla luce della Dottrina sociale della Chiesa”. Il luogo e il tema, – di evidente attualità nel contesto europeo odierno – erano stati scelti in occasione del 30° anniversario della Caduta del Muro di Berlino.

Nei mesi scorsi sono apparsi gli Atti del Simposio 2018, pubblicati integralmente in inglese con la Franciscan University Press: Fundamental Rights and Conflicts among Rights.

“Mentre le iniziative dei Premi e delle pubblicazioni, come pure la assegnazione di Borse di studio annuali per dottorandi hanno potuto continuare nonostante la pandemia – ha spiegato padre Lombardi –, quello che ha dovuto purtroppo essere cancellato è il Simposio internazionale di quest’anno, che era stato previsto a Beirut, a dieci anni dal Sinodo speciale sul Medio Oriente indetto da Benedetto XVI, per riflettere sulla situazione della Chiesa e dei cristiani nella regione, sul dialogo con l’Islam, sull’impegno per la pace, alla luce dell’insegnamento e delle iniziative degli ultimi Papi – Giovanni Paolo II, Benedetto XVI, Francesco”. “La scelta di Beirut – ha proseguito il presidente – aveva anche un evidente significato di solidarietà con popoli e comunità religiose in situazioni difficilissime. Purtroppo lo scoppio della pandemia ha reso impossibile proseguire nella preparazione, a ciò si è aggiunta la situazione veramente critica del Libano e il disastro dell’esplosione nel porto di Beirut. Ne siamo veramente molto addolorati. Speriamo in futuro di poter riprendere questa iniziativa, non solo per il suo significato culturale, ma anche per quello di solidarietà che ci proponevamo”.

La speranza è di poter realizzare nel 2021 un nuovo Simposio internazionale al quale si sta già lavorando. “La sede prevista è un’Università cattolica negli Stati Uniti. Sarebbe la prima volta che la Fondazione promuove un Simposio negli Stati Uniti e perciò in questa occasione il tema ruoterebbe intorno al pensiero teologico di Ratzinger-Benedetto XVI. Speriamo che la pandemia o altre difficoltà non ci impediscano di realizzare questo bel progetto”, ha auspicato padre Lombardi.

 

Sono state inoltre presentate altre importanti iniziative che denotano l’impegno della Fondazione in ambito accademico. La prima è il Premio “Razón abierta – Ragione aperta”, in collaborazione con l’Università spagnola Francisco de Vitoria, giunto alla quarta edizione e ispirato a un’idea centrale nel pensiero di Joseph Ratzinger, quella del dialogo in atto fra diverse discipline, in particolare scienze (matematiche, naturali, umane) e filosofia e teologia. La giuria internazionale ha premiato quest’anno, nella “sezione ricerca”, una grande opera collettiva sulla visione dell’uomo (dal punto di vista psicologico, filosofico, teologico…): A Catholic Christian Meta-Model of the Person: Integration of Psychology and Mental Health Practice; l’opera Human Embryos Human Beeings. A Scientific and Philosophical Approach, e l’opera What’s the matter? Toward a neo-Aristotelian ontology of nature. Nella “sezione insegnamento” è stata invece premiata l’opera (con i programmi didattici connessi) Teaching Character Virtues. A Neo-Ariostotelian Approach. La cerimonia di premiazione, accompagnata da un seminario di studio con la partecipazione dei vincitori del Premio, non si è potuta svolgere, ma l’iniziativa si manifesta molto vitale, con 122 opere candidate, 96 università rappresentate e autori di 15 Paesi diversi.

Nell’area dell’Europa centro-orientale si è sviluppata una iniziativa di collaborazione con l’Università statale polacca Nicolò Copernico di Toruń, la città di Copernico: il Premio “Ratio et spes – Ragione e speranza”. Viene individuato ogni anno un campo specifico diverso, sempre al fine di favorire il dialogo fra scienze, filosofia e teologia. Nella prima edizione ha riguardato lo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale e delle sue applicazioni, le possibilità ma anche gli interrogativi che esso pone per l’umanità odierna. È stato premiato il lavoro di un ricercatore del MIT di Boston con il suo gruppo di ricerca (T. Poggio, A. Bańburski, Q. Liao). Il Premio viene assegnato in occasione della Festa dell’Università Copernico, il 19 febbraio, che è anche la Giornata della Scienza in Polonia. Il tema della seconda edizione attualmente in corso riguarda invece le problematiche dell’ambiente. Il gruppo degli esperti ha già compiuto la selezione dei lavori e si attende ora la decisione del Comitato scientifico, che sarà designato insieme al nuovo Rettore dell’Università di Toruń.

 

Negli ultimi mesi dello scorso anno, infine, la Fondazione aveva promosso, in collaborazione con l’Osservatore della Santa Sede presso le Organizzazioni delle Nazioni Unite a Roma (FAO, IFAD, PAM) una serie di Seminari sul tema della leadership etica di fronte agli attuali problemi internazionali. Il primo aveva coinvolto i partecipanti al Sinodo dell’Amazzonia, altri due si erano svolti rispettivamente presso la FAO e l’IFAD. Un quarto aveva dovuto essere cancellato per il sopraggiungere della pandemia. Gli interventi dei relatori nei tre seminari (si trattava di professori universitari, funzionari di organismi internazionali, diplomatici, ecc.), sono in corso di pubblicazione in un volume collettaneo. È anche in atto una serie di contatti con Università pontificie e con la Francisco de Vitoria di Madrid in vista di nuove iniziative future in questo campo.

 

LEGGI L’INTERVENTO DI PADRE LOMBARDI, PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE RATZINGER

 

PROF. JEAN-LUC MARION

prof. Jean-Luc Marion

Il professor Jean-Luc Marion (Parigi, 1946), è filosofo e teologo. Ha studiato all’École Normale Supérieure, allievo di Althusser, di Derrida e assistente di F. Alquié. Professore di metafisica nel 1981 dapprima a Nanterre (Paris X) e poi dal 1995 alla Sorbona (Paris IV).

La riflessione di Marion si è sviluppata intorno a due direttrici fondamentali, quella della storia della filosofia, e quella della fenomenologia. Nella storia della filosofia sono fondamentali i suoi contributi su Descartes e la storia della metafisica, con i quali si fece conoscere in ambito accademico. Tuttavia, è nella fenomenologia che si colloca il contributo fondamentale di Marion, in quella corrente della fenomenologia francese dove si trovano anche Lévinas, Ricoeur, M. Henry e Derrida, di cui è stato pure discepolo. Sulla scia di Lévinas, Marion cerca di mostrare che la questione dell’essere, per quanto centrale alla storia della metafisica, non sia quella fondamentale, e che va superata in un doppio movimento, da una parte in senso orizzontale dall’etica intesa come amore e donazione, e dall’altra, in senso verticale, come trascendenza teologica. Marion si avvicina alla fenomenologia a partire dall’atto della donazione e del dono, e sviluppa il concetto di “fenomeno saturo”: la saturazione del concetto, una sovrabbondanza di significato presente nel fenomeno, che poi ha anche applicato alla filosofia e alla storia dell’arte. Su queste basi, Marion ha sviluppato una fenomenologia dell’amore e dell’essere come dono, che ha la sua espressione più completa nell’opera Étant donné. Essai d’une phénoménologie de la donation.

Marion è Accademico di Francia (2008), autore di numerose pubblicazioni e direttore di alcune collane prestigiose. È stato membro del Pontificio Consiglio della Cultura. Collabora abitualmente con la Rivista internazionale Communio.

 

PROF.SSA TRACEY ROWLAND

prof.ssa Tracey Rowland

Nata il 7 luglio 1963, australiana, ha compiuto studi di diritto e poi di filosofia e filosofia politica nelle Università del Queensland e di Melbourne. Ha conseguito il dottorato all’Università di Cambridge sul tema dei rapporti fra la teologia del ventesimo secolo e l’idea di cultura, con riferimento in particolare alla filosofia di Alasdair MacIntyre e alla teologia di Henri De Lubac e Joseph Ratzinger. Dal 2001 al 2017 è stata Decano dell’Istituto Giovanni Paolo II per il Matrimonio e la Famiglia di Melbourne. Nello stesso periodo ha conseguito la licenza e il dottorato in teologia all’Università del Laterano, di Roma. Attualmente è titolare della St. John Paul II Research Chair in Theology dell’Università Notre Dame dell’Australia.  Fra le sue opere principali, due sono dedicate al pensiero di Joseph Ratzinger e tradotte in diverse lingue: La fede di Ratzinger. La teologia di Benedetto XVI (2008) e Benedetto XVI. Una guida per i perplessi (2017). Ha pubblicato oltre 150 articoli. È membro del Consiglio editoriale della rivista internazionale Communio. La sua attività di insegnamento e di ricerca spazia in diversi campi della teologia, in particolare la teologia fondamentale, l’antropologia teologica e l’ecumenismo. È membro della Commissione Teologica Internazionale dal 2014.

 

 

La Brochure della Fondazione

Brochure 2018

NEWS

untitled - Copia

Contributi

untitled - Copia

P. MICHAEL PAUL GALLAGHER SJ

Gallagher-MP

Riproponiamo un articolo del prof. Michael Paul Gallagher SJ (1939-2015) pubblicato nel 2008 su “La Civiltà Cattolica” (quaderno 3801), dal titolo “La critica di Charles Taylor alla secolarizzazione”, nel quale il gesuita irlandese analizzava approfonditamente il volume “A Secular Age”, una delle pricnipali opere del filosofo canadese Taylor, insignito con il Premio Ratzinger il 9 novembre 2019.

Leggi l’articolo di p. Michael Paul Gallagher SJ

untitled - Copia

BIBLIOTECA RATZINGER

REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON
LOGO GORRES
untitled - Copia

ABBIAMO RICEVUTO...

 

- Benedetto XVI (a cura di Lucio Coco), Sulla Musica, Marcianum Press, Venezia 2013, pp. 88, euro 9,00.

- Rudy Albino de Assunção, “In Lumen Veritatis”, O pensamento de Joseph Ratzinger, Vol. 6  n. 24 Julho a Settembro 2013,  São Paulo, Brasil.

- Benedicto XVI, ¡Abrid las puertas a Cristo! Meditaciones sobre Juan Pablo II, (a cura di padre Edmondo Caruana), Libreria Editrice Vaticana-Romana Editorial, Città del Vaticano-Madrid 2014, pp. 112, euro 10,00.

- Gianni Cervellera, Cristianesimo, scuola di felicità. La gioia nel pensiero di Papa Ratzinger, Gruppo Editoriale Viator, Milano 2013, pp. 324, euro 18,00.

- Pedro Fernández Rodríguez, O.P., La sagrada liturgia en la escuela de Benedicto XVI, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2014, pp. 408, euro 20,00.

- Gilfredo Marengo, Benedetto XVI, il Vaticano II e la rinuncia al pontificato, Cittadella Editrice, Assisi 2013, pp. 118, euro 10,50.

- Donato Petti, Dialogo sulla vita consacrata con Papa Benedetto XVI, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2012, pp. 168, euro 14,00.

- Pablo Blanco Sarto, Teología, Vaticano II y Evangelización según Joseph Ratzinger/ Benedicto XVI, Eunsa/Astrolabio, Pamplona 2013, pp. 236, euro 19,00.

- Lorenzo Fazzini, Nuovi cristiani d’Europa. Dieci storie di conversione tra fede e ragione, Lindau, Torino 2009, pp. 216, euro 16,00.

- Martin Rhonheimer, in Riscoprire il Vaticano II per compiere oggi la missione di Cristo, Eupress FTL, Lugano 2014, pp. 120, euro 11,00.

- Stefano Violi, La rinuncia di Benedetto XVI. Tra diritto, storia e coscienza, in Rivista Teologica di Lugano, n. 2, giugno 2013, pp. 203-214.

- Pablo Blanco Sarto, La teología de Joseph Ratzinger. Una introducion, Palabra, Madrid 2011, pp. 432.

- Pablo Blanco Sarto, Joseph Ratzinger: razón y cristianismo, Rialp, Madrid 2005, pp. 304.

- Pablo Blanco Sarto, Joseph Ratzinger – Benedicto XVI, una mapa de sus ideas, BAC, Madrid 2012, pp. 100.

- Claudio Bertero, Persona e comunione – La prospettiva di Joseph Ratzinger, Lateran University Press, Città del Vaticano 2014, euro 28,00.

- Kurt card. Koch, Il vincolo tra amore e ragione – Sull’eredità teologica di Benedetto XVI, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2015, pp. 232, euro 16,00.

- Joseph Ratzinger – Benedikt XVI, Aus Meinem Leben, Deutsche Verlags-Anstalt, München 2015, pp. 192, euro 18,50.

- Joseph Ratzinger, Pentlinger Predigten, Schnell und Steiner 2015, pagine 80.

- María Esther Gómez de Pedro, Auftrag und Risiko – Zum Freiheitsbegriff im Denken von Joseph Ratzinger, Schnell und Steiner 2015, pagine 108.

- Andrés Francisco Di Ció, Sufrimos por la paciencia de Dios – La teología de Joseph Ratzinger concentrada en un hápax legómenon de Benedicto XVI, Agape Libros 2015.

- Nico Spuntoni, Vaticano e Russia nell’era Ratzinger, Tau editrice 2019, pp. 204, euro 16.

- Mirjana Gegaj, Il sacramento del matrimonio come cammino di fede in Joseph Ratzinger Benedetto XVI, Cantagalli 2019, pp. 358, euro 26.

Premio Ratzinger 2015



PARTNERS

logoRegensburg
logo Augustinianum

“L’annuncio alla cultura implica anche un annuncio alle culture professionali, scientifiche e accademiche” (132). 

“Le Università sono un ambito privilegiato per pensare e sviluppare questo impegno di evangelizzazione in modo interdisciplinare e integrato” (134).

(Papa Francesco, Evangelii Gaudium)

untitled - Copia
cc_accepted