Benedetto XVI riceve dottorato honoris causa: “Musica ha origine da incontro con il divino”

laurea bxvi, 4 luglio 2015 (5)
di Luca Caruso

(6/7/15) “In nessun altro ambito culturale c’è una musica di grandezza pari a quella nata nell’ambito della fede cristiana: da Palestrina a Bach, a Händel, sino a Mozart, Beethoven e Bruckner. La musica occidentale è qualcosa di unico, che non ha eguali nelle altre culture”. È il cuore del discorso pronunciato dal Papa emerito Benedetto XVI, nel corso della cerimonia di conferimento del dottorato honoris causa da parte della Pontificia Università “Giovanni Paolo II” di Cracovia e dell’Accademia di Musica di Cracovia, svoltasi lo scorso 4 luglio presso il Palazzo Apostolico di Castel Gandolfo.

“In questo modo – ha osservato Benedetto XVI – è divenuto ancor più profondo il mio legame con la Polonia, con Cracovia, con la patria del nostro grande santo Giovanni Paolo II. Perché senza di lui il mio cammino spirituale e teologico non è neanche immaginabile”.

A una domanda di fondo il Papa emerito ha inteso rispondere nel suo intervento: “Che cos’è in realtà la musica? Da dove viene e a cosa tende?”. E ha indicato “tre luoghi”. Anzitutto “l’esperienza dell’amore”: “Quando gli uomini furono afferrati dall’amore, si schiuse loro un’altra dimensione dell’essere, una nuova grandezza e ampiezza della realtà. Ed essa spinse anche a esprimersi in modo nuovo”. Poi “l’esperienza della tristezza, l’essere toccati dalla morte, dal dolore e dagli abissi dell’esistenza”. Infine, “l’incontro con il divino, che sin dall’inizio è parte di ciò che definisce l’umano. A maggior ragione è qui che è presente il totalmente altro e il totalmente grande che suscita nell’uomo nuovi modi di esprimersi. Forse è possibile affermare che in realtà anche negli altri due ambiti – l’amore e la morte – il mistero divino ci tocca e, in questo senso, è l’essere toccati da Dio che complessivamente costituisce l’origine della musica”. “Si può dire – ha riassunto Benedetto XVI – che la qualità della musica dipende dalla purezza e dalla grandezza dell’incontro con il divino, con l’esperienza dell’amore e del dolore. Quanto più pura e vera è quell’esperienza, tanto più pura e grande sarà anche la musica che da essa nasce e si sviluppa”.

Benedetto XVI ha fatto anche cenno alla “tensione” tra la “participatio actuosa conforme alla liturgia” e la “musica solenne che avvolgeva l’azione sacra”. In che modo conciliare le due cose, attuando pienamente il Concilio? “La musica occidentale – ha osservato – supera di molto l’ambito religioso ed ecclesiale. E tuttavia essa trova comunque la sua sorgente più profonda nella liturgia nell’incontro con Dio. (…) La grande musica sacra è una realtà di rango teologico e di significato permanente per la fede dell’intera cristianità”.

“Se pensiamo alla liturgia celebrata da san Giovanni Paolo II in ogni continente – ha ricordato ancora Ratzinger –, vediamo tutta l’ampiezza delle possibilità espressive della fede nell’evento liturgico”.

“L’attività delle due università che mi conferiscono questo dottorato honoris causa – ha quindi concluso il Papa emerito – rappresenta un contributo essenziale affinché il grande dono della musica che proviene dalla tradizione della fede cristiana resti vivo e sia di aiuto perché la forza creativa della fede anche in futuro non si estingua”.

“L’accettazione in forma eccezionale di questa distinzione – ha affermato nel suo saluto il cardinale Stanisław Dziwisz, arcivescovo di Cracovia, Gran Cancelliere della Pontificia Università – la consideriamo come segno della stima che Vostra Santità ha sempre nutrito nei confronti di san Giovanni Paolo II. Egli personalmente – il Papa santo – fu sempre pieno di gratitudine per il suo più vicino collaboratore – il prefetto della Congregazione della Dottrina della fede. Siamo certi che ora egli ci guardi dall’altro e si rallegri del nostro incontro”. Erano presenti, tra gli altri, il cardinale Paul Josef Cordes, l’arcivescovo Georg Gänswein, prefetto della Casa Pontificia e il vescovo di Albano monsignor Marcello Semeraro.

 

Leggi il discorso integrale di Benedetto XVI in italiano

Leggi il discorso integrale di Benedetto XVI in tedesco

Guarda il servizio di Tv2000, nella sezione Video

NEWS

untitled - Copia

untitled - Copia

CONTRIBUTI

M° MARIO LEONE

marioleone

Bellezza, necessità dell’uomo è il titolo dato dal quotidiano Il Foglio del 7 luglio 2015 al commento del maestro Mario Leone sul discorso pronunciato a Castel Gandolfo dal Papa emerito Benedetto XVI, durante la cerimonia di conferimento del dottorato honoris causa.

Leggi l’intervento del maestro Mario Leone

untitled - Copia

BIBLIOTECA RATZINGER

IMG_5662 - Copia
REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON
LOGO GORRES

ABBIAMO RICEVUTO...

- Benedetto XVI (a cura di Lucio Coco), Sulla Musica, Marcianum Press, Venezia 2013, pp. 88, euro 9,00.

- Pablo Blanco Sarto, Joseph Ratzinger: razón y cristianismo, Rialp, Madrid 2005, pp. 304.

- Stefano Violi, La rinuncia di Benedetto XVI. Tra diritto, storia e coscienza, in Rivista Teologica di Lugano, n. 2, giugno 2013, pp. 203-214.