Alla teologa Schlosser e all’architetto Mario Botta il Premio Ratzinger 2018

di Luca Caruso

20.IX.2018

Città del Vaticano, 20 settembre 2018 – Sono la teologa tedesca Marianne Schlosser e l’architetto svizzero Mario Botta i vincitori dell’edizione 2018 del Premio Ratzinger, che si svolgerà il prossimo 17 novembre in Vaticano. I loro nomi sono stati annunciati questa mattina nel corso di una conferenza stampa che si è svolta presso la Sala Stampa della Santa Sede per illustrare le tre principali attività che vedranno protagonista la Fondazione Vaticana Joseph Ratzinger-Benedetto XVI nel corso di questo autunno: il Premio Ratzinger, il Simposio internazionale “Diritti fondamentali e conflitti fra diritti”, il Premio “Ragione aperta”.

Insieme al presidente della Fondazione, padre Federico Lombardi, sono intervenuti il cardinale Gianfranco Ravasi, presidente del Pontificio Consiglio della Cultura e membro del Comitato scientifico della Fondazione, il prof.  Giuseppe Dalla Torre, già Rettore magnifico della Libera Università Maria Santissima Assunta di Roma, Max Bonilla, responsabile delle Relazioni esterne della Universidad Francisco de Vitoria di Madrid.

Con l’edizione 2018, l’ottava, le personalità insignite del Premio Ratzinger saranno in totale 18, provenienti da 13 diversi Paesi. “Per la seconda volta il Premio è attribuito a una donna (nel 2014 era stato assegnato alla prof.ssa Anne-Marie Pelletier). Inoltre – ha spiegato padre Lombardi –, si continua la linea inaugurata lo scorso anno di comprendere anche le arti cristianamente ispirate fra le attività dei premiati: mentre lo scorso anno era stato insignito del Premio un musicista, Arvo Pärt, quest’anno è la volta di un noto architetto”.

CONSULTA L’ALBO D’ORO DEL PREMIO RATZINGER

 

Il conferimento del Premio è previsto per il 17 novembre, giorno successivo alla conclusione dell’VIII Simposio internazionale organizzato a Roma dalla Fondazione insieme alla Università LUMSA il 15 e 16 novembre prossimi, sul tema: “Diritti fondamentali e conflitti fra diritti”, nel 70° anniversario dell’adozione da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, e nel 20° anniversario del conferimento della laurea honoris causa all’allora cardinale Joseph Ratzinger da parte della LUMSA. “Gli argomenti che saranno trattati – ha illustrato padre Lombardi – sono di grande attualità: la libertà religiosa, il diritto naturale, la laicità positiva nel pensiero di J. Ratzinger, la genesi e l’applicazione della Dichiarazione universale dei diritti umani, la moltiplicazione dei diritti e il pericolo della distruzione dell’idea di diritto, la posizione della Chiesa nel dibattito sui diritti umani, ecc.”. La Relazione conclusiva sarà svolta dal cardinale Segretario di Stato, Pietro Parolin.

LEGGI IL PROGRAMMA DEL SIMPOSIO

 

Il 24 settembre si svolgerà in Vaticano, presso la Casina Pio IV, sede della Pontificia Accademia delle Scienze, la Cerimonia di premiazione della II edizione del Premio “Ragione aperta”, nato dalla collaborazione con l’Università spagnola Francisco de Vitoria, insieme alla quale la Fondazione ha organizzato il Convegno “La preghiera, forza che trasforma il mondo”, svoltosi a Madrid nel 2015 in occasione del V Centenario della nascita di santa Teresa d’Avila. Il Premio è intitolato “Ragione aperta” perché ispirato a un’idea centrale nel pensiero di Ratzinger, che insiste sulla necessità di avere una visione ampia e aperta della ragione e del suo esercizio nella ricerca della verità e della risposta alle domande fondamentali sull’umanità e sul suo destino. Questa idea è fondamentale per il dialogo fra la Chiesa e la cultura moderna, e fra le scienze e la filosofia e la teologia e quindi anche un’idea fondamentale per il modo di pensare l’università e la sua funzione.

I lavori pervenuti all’attenzione della Giuria internazionale – redatti in inglese o in spagnolo – sono stati oltre 170, provenienti da più di 100 università di molti differenti Paesi. Quattro i lavori vincitori scelti dalla Giuria, riunitasi a Madrid il 18 e 19 luglio scorsi: due nella sezione “Ricerca” e due nella sezione “Docenza”.

I vincitori per la Ricerca sono: Javier Sánchez Cañizares, dell’Università di Navarra (Spagna), con un lavoro intitolato Universo singular – una riflessione sulle singolarità che si osservano nella storia dell’universo alla luce dei risultati delle ricerche cosmologiche e fisiche odierne –, e Juan Arana, dell’Università di Siviglia (Spagna), per l’opera La conciencia inexplicada. Ensayo sobre los limites de la comprensión naturalista: una convincente e avvincente difesa della singolarità della coscienza umana di fronte ai diversi tentativi di darne una spiegazione riduzionistica (tramite le neuroscienze, l’intelligenza artificiale, ecc.).

I vincitori per la Docenza sono: Gonzalo Génova e Maria del Rosario González, dell’Università Carlos III di Madrid e dell’Università Complutense, per il corso di Etica para ingenieros: Entre la supervivencia y la dignidad: con metodo pedagogico molto partecipativo si aiutano i giovani ingegneri in formazione a interrogarsi e riflettere sulle loro responsabilità etiche nel costruire e trasformare il mondo. Mentre John C. Cavadini, James Martin, Patricia Bellm e Christopher T. Baglow, dell’Università Notre Dame (Indiana, USA), hanno sviluppato un ampio programma di formazione per i docenti di scuole medie: Catholic Educators to engage the Dialogue between Science and Religion. Giustamente il dialogo fra scienza e religione non è da esercitare solo a livello universitario o accademico, ma anche – nei modi appropriati – nelle tappe precedenti dell’educazione.

Sono state attribuite anche due menzioni speciali di merito. Riguardano l’opera nel campo della storia della cultura, di Brad Gregory, dell’Università di Notre Dame: The Unintended Reformation: How a Religious Revolution secularized Society e lo studio di David Wilkinson, dell’Università di Durham (Regno Unito) su Science, Religion and the Search for Extra-terrestrial Intelligence.

 

LEGGI L’INTERVENTO DI PADRE LOMBARDI, PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE RATZINGER

 

Marianne Schlosser

Marianne Schlosser

Nata nel 1959 a Donauwörth, in Baviera, dal 2004 è ordinario di Teologia della spiritualità nella Facoltà di Teologia cattolica della Università di Vienna.

Marianne Schlosser è riconosciuta come una delle più profonde conoscitrici della Teologia e della spiritualità della Patristica e del Basso Medioevo, con particolare attenzione agli Ordini mendicanti (Bonaventura, Caterina da Siena, ed altri). È curatrice del Volume II della Opera Omnia di Joseph Ratzinger (L’idea di Rivelazione e la Teologia della storia di Bonaventura) nonché co-curatrice della edizione tedesca de “Le Fonti francescane”.

Nel 2014 è stata nominata da Sua Santità Papa Francesco membro della Commissione teologica internazionale per il quinquennio 2014–2019 e dallo stesso anno è membro del Consiglio direttivo del “Collegium Sancti Bonaventurae” di Roma. Tra le sue ultime pubblicazioni: Bonaventura begegnen (Augsburg 2001), Katharina von Siena begegnen (Augsburg, 2006), David von Augsburg: Vom äußeren und inneren Menschen (St. Ottilien 2009), Erhebung des Herzens. Theologie des Gebetes (St. Ottilien 2015).

Marianne Schlosser ha tradotto in tedesco gran parte dell’opera di San Bonaventura, tra cui, dal 2003 al 2010, l’Itinerarium mentis in Deum (St. Ottilien).

 

Mario Botta

Mario Botta

Nato a Mendrisio, in Svizzera, il 1° aprile 1943. Architetto di fama internazionale.

Dopo aver studiato a Milano e a Venezia, apre il suo studio di architettura a Lugano e successivamente a Mendrisio, e realizza numerosi interventi e progetti su scala nazionale e internazionale, partecipando a prestigiosi concorsi. La sua architettura è influenzata da Le Corbusier, Carlo Scarpa e Louis Kahn. Sono caratteristici della sua architettura l’utilizzo del mattone e della pietra e gli edifici costituiti da volumi puri, tagliati e traforati da grandi spaccature, tra i quali gli edifici a cilindro tronco che trovano una prima realizzazione nella chiesa di San Giovanni Battista a Mogno e un successivo sviluppo nella Cattedrale di Evry, presso Parigi, e nella Concattedrale del Santo Volto a Torino. Ha lavorato in molte tipologie edilizie: abitazioni, scuole, banche, biblioteche, musei oltre a diversi importanti edifici di culto. Il suo lavoro è stato riconosciuto e premiato a livello internazionale.

La Brochure della Fondazione

cop. brochure 2016

NEWS

untitled - Copia

Contributi

untitled - Copia

Padre Federico Lombardi

p.Lombardi

Condividiamo la conferenza dal titolo “Da Benedetto a Francesco” che padre Federico Lombardi, presidente della Fondazione Ratzinger, ha tenuto il 15 maggio 2018 presso la Fordham University di New York. La versione inglese, pronunciata effettivamente e pubblicata dal sito della rivista America, è leggermente più breve rispetto al testo originale in italiano.

Leggi l’intervento di p. Lombardi (italiano)

Leggi l’intervento di p. Lombardi (inglese)

untitled - Copia

Premi “RazÓn abierta”

GIF_PRA

 

 

untitled - Copia

BIBLIOTECA RATZINGER

REALIZZATA IN COLLABORAZIONE CON
LOGO GORRES

ABBIAMO RICEVUTO...

 

- Benedetto XVI (a cura di Lucio Coco), Sulla Musica, Marcianum Press, Venezia 2013, pp. 88, euro 9,00.

- Rudy Albino de Assunção, “In Lumen Veritatis”, O pensamento de Joseph Ratzinger, Vol. 6  n. 24 Julho a Settembro 2013,  São Paulo, Brasil.

- Gianni Cervellera, Cristianesimo, scuola di felicità. La gioia nel pensiero di Papa Ratzinger, Gruppo Editoriale Viator, Milano 2013, pp. 324, euro 18,00.

- Pedro Fernández Rodríguez, O.P., La sagrada liturgia en la escuela de Benedicto XVI, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2014, pp. 408, euro 20,00.

- Gilfredo Marengo, Benedetto XVI, il Vaticano II e la rinuncia al pontificato, Cittadella Editrice, Assisi 2013, pp. 118, euro 10,50.

- Donato Petti, Dialogo sulla vita consacrata con Papa Benedetto XVI, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2012, pp. 168, euro 14,00.

- Pablo Blanco Sarto, Teología, Vaticano II y Evangelización según Joseph Ratzinger/ Benedicto XVI, Eunsa/Astrolabio, Pamplona 2013, pp. 236, euro 19,00.

- Lorenzo Fazzini, Nuovi cristiani d’Europa. Dieci storie di conversione tra fede e ragione, Lindau, Torino 2009, pp. 216, euro 16,00.

- Martin Rhonheimer, in Riscoprire il Vaticano II per compiere oggi la missione di Cristo, Eupress FTL, Lugano 2014, pp. 120, euro 11,00.

- Stefano Violi, La rinuncia di Benedetto XVI. Tra diritto, storia e coscienza, in Rivista Teologica di Lugano, n. 2, giugno 2013, pp. 203-214.

- Claudio Bertero, Persona e comunione – La prospettiva di Joseph Ratzinger, Lateran University Press, Città del Vaticano 2014, euro 28,00.

- Kurt card. Koch, Il vincolo tra amore e ragione – Sull’eredità teologica di Benedetto XVI, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2015, pp. 232, euro 16,00.

- Joseph Ratzinger – Benedikt XVI, Aus Meinem Leben, Deutsche Verlags-Anstalt, München 2015, pp. 192, euro 18,50.

- Joseph Ratzinger, Pentlinger Predigten, Schnell und Steiner 2015, pagine 80.

- Andrés Francisco Di Ció, Sufrimos por la paciencia de Dios – La teología de Joseph Ratzinger concentrada en un hápax legómenon de Benedicto XVI, Agape Libros 2015.

Premio Ratzinger 2015



PARTNERS

logoRegensburg
logo Augustinianum

“L’annuncio alla cultura implica anche un annuncio alle culture professionali, scientifiche e accademiche” (132). 

“Le Università sono un ambito privilegiato per pensare e sviluppare questo impegno di evangelizzazione in modo interdisciplinare e integrato” (134).

(Papa Francesco, Evangelii Gaudium)

untitled - Copia
cc_accepted